Real Tough Mudder Experience: chiacchierata con Andrea Rusconi

Real Tough Mudder Experience: chiacchierata con Andrea Rusconi

By TM | 5 Maggio 2019

Da qualche mese ti stai chiedendo se Tough Mudder può fare al caso tuo, lo sappiamo, guardi e riguardi i video degli ostacoli e le domande e i dubbi ti pungono come i fili dell’Electroshock Therapy: sarà tanto difficile? Sarà tanto facile? Sarà tanto fangoso?

La risposta all’ultima domanda te la diciamo subito, è Sì, per le altre ti può aiutare l’esperienza di Andrea Rusconi, membro del White Donkeys OCR Team, ed ex cestista che ha ormai il Mud nel sangue. Dopo più di 20 gare, l’anno scorso ha toccato il fango con mano: Tough Mudder in Inghilterra, a Broughton Hall, nello Yorkshire. Curioso? Andrea, raccontaci!


Andrea con il suo allenatore Stefano Bianchi prima della grande sfida

Tre parole per la tua esperienza Tough Mudder!

INTENSO, FANGOSO e SORPRENDENTE

Qual è il tuo ostacolo preferito e perché?

ARTIC ENEMA, penso che immergersi fino al collo in una vasca d’acqua ghiacciata sia veramente una delle prove più difficili, anche se THE BLOCK NESS MONSTER credo sia l’ostacolo che meglio rappresenta la filosofia TOUGH MUDDER

Beh, il ghiaccio di Arctic Enema non scherza, lo sappiamo, ma invece l’ostacolo che hai trovato realmente più faticoso?

PYRAMID SCHEME, una volta bagnati e infangati è veramente impegnativo scalare la piramide!

Secondo te, cosa caratterizza Tough Mudder rispetto alle altre MudRun?

Tough Mudder ha degli ostacoli di grandi dimensioni, sono impressionanti! E non superabili se non con l’aiuto di qualche compagno di squadra o dei compagni di avventura che si incontrano sul percorso, il bello è anche questo. Bisogna avere un certo spirito di adattamento e di collaborazione, oltre che avere voglia di divertirsi.


A quali tipologie di sportivi e appassionati senti di poter consigliare Tough Mudder?

Consiglierei Tough Mudder a tutti gli appassionati di sport e con la voglia di mettersi in gioco. Si tratta di un’esperienza unica nel suo genere, sia per ciò che bisogna affrontare durante il percorso, sia per quello che rimane una volta finita la corsa. Quello che resta di quella giornata folle sono le risate, la fatica e la soddisfazione di arrivare al traguardo insieme.

E dopo la gara? Ti sei buttato nelle birre del Tough Mudder Village?

Ovvio! C’era di tutto, musica, food truck, lo shop, e anche molte sfide a tempo e di abilità con cui cimentarsi, per cui anche un ottimo riscaldamento per la gara, ma anche soltanto un modo divertente per provare a sfidare se stessi

Ed ora? Come ti stai allenando per questa nuova sfida tutta italiana?

Beh, vista la mia esperienza a Manchester, una parte importante della mia preparazione sarà la corsa su percorso trail, possibilmente sterrato e fangoso. Condito con esercizi di forza, equilibrio e agilità. Siamo molto carichi!


Noi ti aspettiamo, ma tu cosa ti aspetti dal Tough Mudder Italy?

Considerando le location scelte per gli eventi, credo che TM Italy ci sorprenderà con ostacoli veramente grandiosi come dimensioni e percorsi che ci metteranno a dura prova! Manca poco e non vediamo l’ora!

Beh, Andrea, è inutile dire che anche noi non vediamo l’ora di darti pane per i tuoi denti (denti da Legionario questa volta!), e siamo sicuri che ti piacerà! buoni allenamenti e  Stay Tough 💪

 

Andrea Rusconi è nato a Lecco, ha 32 anni ed è laureato in ingegneria edile/architettura con sport nel sangue da sempre.

Dall’età di 5 anni giocatore di basket, dopo 25 anni di carriera dalle giovanili fino alla Serie C2, nel 2016 resta affascinato dal mondo delle Mud Run fino a decidere di dedicarvisi completamente, entrando a far parte del team White Donkeys sin dalla sua nascita. Il suo allenatore, Stefano Bianchi, lo ha accompagnato in tante imprese come anche nel Tough Mudder Uk.

Seguilo su IG! @spartan_rusko

White Donkeys OCR Team è una squadra nata nel Novembre 2017 dalla fusione di due team, rispettivamente: SHB Team (Milano) e Donkey Warriors (Mantova). Ora conta 57 associati, persone molto diverse, dai principianti ai pro, ma che con umiltà, determinazione e sacrificio cercano di raggiungere un proprio obiettivo.

Hanno raggiunto anche numerosi risultati sia come singoli, alcuni dei quali convocati in Nazionale Italiana OCR, sia come Team:

– Primi classificati nel Campionato Regionale OCR Toscana\Emilia Romagna

– Secondi classificati nel Campionato Nazionale OCR

– Secondi classificati nel Campionato Regionale OCR Piemonte\Lombardia

– Secondi classificati nelle Inferno Series

 

 

SHARE